Hotel Torre di Cala Piccola Argentario

Laguna di Orbetello

Riserva naturale dal 1971, l’oasi della Laguna di Orbetello tutela una zona umida che si estende per 850 ettari. Un ambiente in grado di dare riparo a migliaia di specie di uccelli migratori: fenicotteri, aironi, falchi, mestoloni, spatole e avocette ... l’ideale per gli amanti del birdwatching.

La laguna non è un paradiso solo per gli uccelli: nella fitta vegetazione di macchia mediterranea che la ricopre passeggiano indisturbate volpi, tassi e istrici, protette da piante di lentisco, fillirea, mirto e corbezzolo. 

Ma l’area, oltre che dal punto di vista naturalistico, riveste un grande interesse per il suo variegato paesaggio: gli uccelli volano sullo sfondo di antiche costruzioni spagnole, mulini, torri di avvistamento, mura romane, ideali da ammirare al tramonto.

E’ all’imbrunire, infatti, che il gioco di luci sugli specchi d’acqua delimitati dai tomboli della Feniglia e della Giannella crea un’atmosfera estremamente suggestiva.

Qualunque sia l’itinerario prescelto per visitarla, è consigliabile farlo tramite l’uso di biciclette, e includere tra i punti d’interesse il giardino delle farfalle e il Centro di Educazione Ambientale.

 

Come arrivare alla Laguna Di Orbetello:
Da Alberese si prende la S.S. Aurelia in direzione Roma, percorrendo la S.S.1 Aurelia l’ingresso è al km 148.
Per il Casale della Giannella (Centro Educazione Ambientale “A. Pecci”) usciti dalla S.S. 1 Aurelia, si percorre la Giannella fino al Km 4.